ISOLE DEL GARDA – L’EREMO INCANTATO

Una gita in uno degli angoli più belli del grande lago Benaco, tra scogliere e spiagge dai colori tropicali, con l’occasione di visitare la fascinosa Isola di Garda e godere di un ottimo panorama di insieme sul lago

PROGRAMMA:

Ci si imbarca nella baia tra Manerba e Moniga del Garda per poi circumnavigare rocca di Manerba, passando sotto le sue alte scogliere. Si segue la costa fin davanti all’isola di San Biagio fino a raggiungerla e poi proseguire oltre verso la bellissima Isola di Garda, che si circumnaviga interamente. Ci si dirige poi sulla spiaggia antistante l’isola, per la pausa pranzo. Nel pomeriggio si segue la costa occidentale del lago entrando nel golfo di Salò, passando davanti alla cittadina fino ad arrivare al punto di ritrovo. 

DURATA  : una giornata

QUOTA  : 45 €/persona per gruppo 6 persone,  60 €/persona a partire da 3 persone

LA QUOTA COMPRENDE: organizzazione e accompagnamento professionale da parte della guida, uso dei kayak e del materiale necessario, insegnamento tecnica base di kayak

LA QUOTA NON COMPRENDE:  pranzo al sacco, viaggio in auto

GRUPPO: minimo 3 – massimo 6 persone

GUIDA  : Istruttore kayak, laureato in Geologia, madrelingua italiano con possibilità di parlare in Inglese, Spagnolo, Francese

 

RITROVO:  parcheggio Via Tavine 1 – Salò (BS)

(orario da concordare)

 

VENGONO FORNITI

  1. Kayak, pagaia, giubbino salvagente, paraspruzzi

  2. Giacca impermeabile da canoa

  3. Borse a tenuta stagna  per trasporto cose (vestiti, cibo, eventuali macchine foto, telecamere, telefono, ecc)

MATERIALE DA PORTARE:

  1. Costume da bagno tipo bermuda,

  2. Sandali tipo “crocs” o scarpe da ginnastica brutte

  3. Due magliette termiche in sintetico tipo lycra / micropile, una a maniche lunghe e una a maniche corte

  4. Cappellino a visiera tipo baseball, meglio se impermeabile

  5. Occhiali da sole e crema solare

  6. Vestiti asciutti di ricambio

  7. Pranzo al sacco

  8. Facoltativi guanti tipo ciclismo o ferrata, per evitare “fiacche da pagaia”